Architetto e PhD, fra i suoi interessi di ricerca e professionali, testimoniati da partecipazioni a convegni, corsi, eventi anche all’estero e gruppi di lavoro, nonché dalle sue pubblicazioni: il rapporto tra neuroestetica e architettura, la relazione tra arte, architettura e paesaggio, la rigenerazione urbana nei luoghi di periferia, l’impatto sul paesaggio delle nuove reti infrastrutturali energetiche.

Nel 2022 pubblica, per i tipi di Quodlibet, la sua prima monografia dedicata all’esperienza di Fiumara d’Arte in Sicilia, un fenomeno senza eguali nel panorama artistico-architettonico italiano degli ultimi 35 anni. Nel 2023 collabora ad una delle proposte progettuali esposte al Padiglione Egitto “NiLab” per la 18° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia e partecipa al numero di dicembre della rivista Domus, dal titolo “Italia Fragile”, con un contributo critico su un’opera di social housing a San Giovanni in Fiore in Calabria.

Svolge da qualche anno attività di ricerca presso il laboratorio Landscape_inProgress dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, sede dove è stata anche docente a contratto di Architettura degli interni e allestimento (a.a. 2023-2024).

L’associazionismo votato alla comunità e il territorio e l’interesse per i beni culturali materiali e immateriali soprattutto del Meridione d’Italia l’hanno portata negli anni a organizzare e a partecipare a manifestazioni e l’accompagnano oggi nella sua attività locale e nazionale in AIGU.


Architect and PhD, her research and professional interests, testified by her participation in conferences, courses, events also abroad and working groups, as well as by her publications, include: the relationship between neuroaesthetics and architecture, the relationship between art, architecture and landscape, urban regeneration in suburban places, and the impact of new energy infrastructure networks on the landscape.

In 2022 she published, for Quodlibet, her first monograph dedicated to the Fiumara d’Arte experience in Sicily, an incomparable phenomenon in the Italian artistic-architectural panorama of the last 35 years. In 2023 she collaborated on one of the design proposals exhibited at the Egyptian Pavilion ‘NiLab’ for the 18th International Architecture Exhibition of the Venice Biennale and participated in the December issue of Domus magazine entitled ‘Italia Fragile’ with a critical contribution on a social housing project in San Giovanni in Fiore in Calabria.

Since a few years, she has been carrying out research activities at the Landscape_inProgress laboratory at the Università Mediterranea di Reggio Calabria, where she has also been a contract lecturer in Interior architecture and Exhibition design (a.y. 2023-2024).

The associationism devoted to the community and the territory and the interest in tangible and intangible cultural heritage, especially in Southern Italy, have led her over the years to organise and participate in events and accompany her today in her local and national activities in AIGU.